Archivio delle News

28/03/2012 - Regolamento concernente l'adeguamento dei compensi spettanti ai Curatori fallimentari
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

DECRETO 25 gennaio 2012 , n. 30
Regolamento concernente l'adeguamento dei compensi spettanti ai
curatori fallimentari e la determinazione dei compensi nelle
procedure di concordato preventivo. (12G0047)



IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Visto il regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, e successive
modificazioni, sulla disciplina del fallimento, del concordato
preventivo e della liquidazione coatta amministrativa e, in
particolare, l'articolo 39, primo comma, il quale prevede che,
mediante decreto del Ministro della giustizia, sono stabilite le
norme per la liquidazione dei compensi ai curatori di fallimento,
nonche' gli articoli 165 e l'abrogato articolo 188 dello stesso
decreto;
Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione
consultiva per gli atti normativi nell'Adunanza dell'8 novembre 2011;
Vista la nota del 12 dicembre 2011, con la quale lo schema di
regolamento e' stato comunicato al Presidente del Consiglio dei
Ministri;

Adotta


il seguente regolamento:

Art. 1

1. Il compenso al curatore di fallimento e' liquidato dal tribunale
a norma dell'articolo 39 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267,
tenendo conto dell'opera prestata, dei risultati ottenuti,
dell'importanza del fallimento, nonche' della sollecitudine con cui
sono state condotte le relative operazioni, e deve consistere in una
percentuale sull'ammontare dell'attivo realizzato non superiore alle
misure seguenti:
a) dal 12% al 14% quando l'attivo non superi i 16.227,08 euro;
b) dal 10% al 12% sulle somme eccedenti i 16.227,08 euro fino a
24.340,62 euro;
c) dall'8,50% al 9,50% sulle somme eccedenti i 24.340,62 euro
fino a 40.567,68 euro;
d) dal 7% all'8% sulle somme eccedenti i 40.567,68 euro fino a
81.135,38 euro;
e) dal 5,5% al 6,5% sulle somme eccedenti i 81.135,38 euro fino a
405.676,89 euro;
f) dal 4% al 5% sulle somme eccedenti i 405.676,89 euro fino a
811.353,79 euro;
g) dallo 0,90% all'1,80% sulle somme eccedenti i 811.353,79 euro
fino a 2.434.061,37 euro;
h) dallo 0,45% allo 0,90% sulle somme che superano i 2.434.061,37
euro.
2. Al curatore e' inoltre corrisposto, sull'ammontare del passivo
accertato, un compenso supplementare dallo 0,19% allo 0,94% sui primi
81.131,38 euro e dallo 0,06% allo 0,46% sulle somme eccedenti tale
cifra.



Art. 2

1. Qualora il curatore cessi dalle funzioni prima della chiusura
delle operazioni di fallimento, il compenso e' liquidato al termine
della procedura, in base ai parametri indicati nell'articolo 1,
tenuto conto dell'opera prestata e in applicazione di criteri di cui
all'articolo 39, comma 3, del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 e
successive modificazioni.
2. Nel caso che il fallimento si chiuda con concordato, il compenso
dovuto al curatore e' liquidato in proporzione all'opera prestata, in
modo pero' da non eccedere in nessun caso le percentuali
sull'ammontare dell'attivo, previste dall'articolo 1, comma 1,
calcolate sull'ammontare complessivo di quanto col concordato viene
attribuito ai creditori. Al curatore e' inoltre corrisposto il
compenso supplementare di cui all'articolo 1, comma 2.



Art. 3

1. Qualora sia autorizzata la continuazione dell'attivita'
economica dell'impresa fallita al curatore e' corrisposto, oltre ai
compensi di cui agli articoli 1 e 2, un ulteriore compenso dello
0,50% sugli utili netti e dello 0,25% sull'ammontare dei ricavi lordi
conseguiti durante l'esercizio provvisorio.



Art. 4

1. Il compenso liquidato a termini degli articoli 1, 2 e 3 non puo'
essere inferiore, nel suo complesso, a 811,35 euro, salvo il caso
previsto dall'articolo 2, comma 1.
2. Al curatore spetta, inoltre, un rimborso forfettario delle spese
generali in ragione del 5% sull'importo del compenso liquidato ai
sensi degli articoli 1, 2, 3 e del comma 1 del presente articolo,
nonche' il rimborso delle spese vive effettivamente sostenute ed
autorizzate dal giudice delegato, documentalmente provate, escluso
qualsiasi altro compenso o indennita'. Nel caso di trasferimento
fuori dalla residenza spetta il trattamento economico di missione
previsto per gli impiegati civili dello Stato con qualifica di primo
dirigente.



Art. 5

1. Nelle procedure di concordato preventivo in cui siano previste
forme di liquidazione dei beni spetta al commissario giudiziale,
anche per l'opera prestata successivamente all'omologazione, il
compenso determinato con le percentuali di cui all'articolo 1, comma
1, sull'ammontare dell'attivo realizzato dalla liquidazione e di cui
all'articolo 1, comma 2, sull'ammontare del passivo risultante
dall'inventario redatto ai sensi dell'articolo 172 del regio decreto
16 marzo 1942, n. 267. Si applica l'articolo 4, comma 1.
2. Nelle procedure di concordato preventivo diverse da quelle di
cui al comma 1, spetta al commissario giudiziale, anche per l'opera
prestata successivamente all'omologazione, il compenso determinato
con le percentuali di cui all'articolo1, sull'ammontare dell'attivo e
del passivo risultanti dall'inventario redatto ai sensi dell'articolo
172 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267. Si applica l'articolo 4,
comma 1.
3. Per il compenso del liquidatore dei beni, nominato ai sensi
dell'articolo 182 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, si applica
l'articolo 39 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, in quanto
compatibile. Al liquidatore spetta un compenso determinato ai sensi
dell'articolo 1, comma 1, sull'ammontare dell'attivo realizzato dalla
liquidazione, nonche' un compenso determinato ai sensi dell'articolo
1, comma 2, calcolato sull'ammontare del passivo risultante
dall'inventario redatto ai sensi dell'articolo 172 del regio decreto
16 marzo 1942, n. 267. Si applica l'articolo 4, comma 1.
4. Al commissario giudiziale e al liquidatore competono, inoltre, i
rimborsi e il trattamento previsto all'articolo 4, comma 2.
5. Qualora il commissario giudiziale o il liquidatore cessino dalle
funzioni prima della chiusura delle operazioni, il compenso e'
liquidato, al termine della procedura, secondo i parametri fissati,
rispettivamente dai commi 1, 2 e 3 del presente articolo e
conformemente ai criteri previsti dall'articolo 2, comma 1.



Art. 6

1. Nel corso della procedura possono essere disposti acconti sul
compenso, ai sensi dell'articolo 109, comma 2 del regio decreto 16
marzo 1942, n. 267, tenendo conto dei risultati ottenuti e
dell'attivita' prestata.



Art. 7

1. Nelle procedure di amministrazione controllata che continuano ad
essere disciplinate dal Titolo IV del regio decreto 16 marzo 1942, n.
267, abrogato dall'articolo 147, comma 1, del decreto legislativo 9
gennaio 2006, n. 5, spettano al commissario giudiziale i compensi
determinati con le percentuali di cui all'articolo 1, sull'ammontare
dell'attivo e del passivo risultanti dall'inventario redatto ai sensi
dell'articolo 188 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267.
2. Nei casi di gestione dell'impresa o di amministrazione dei beni,
previsti dall'articolo 191 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267,
oltre ai compensi previsti dal comma 1, spetta allo stesso
commissario il compenso aggiuntivo di cui all'articolo 3.
3. Si applica l'articolo 5, commi 4 e 5.



Art. 8

1. Il presente decreto si applica a tutti i compensi da liquidarsi
successivamente all'entrata in vigore del decreto, ivi compresi
quelli concernenti le procedure concorsuali ancora pendenti a tale
data.



Art. 9

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e abroga, dalla medesima data, i decreti del
Ministero di Grazia e Giustizia 30 novembre 1930, 1° gennaio 1945, 4
giugno 1949, 16 luglio 1965, 27 novembre 1976, 17 aprile 1987 e del
28 luglio 1992, n. 570.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, 25 gennaio 2012

Il Ministro: Severino
Visto, il Guardasigilli: Severino

Registrato alla Corte dei conti il 7 marzo 2012
Giustizia, registro n. 2, foglio n. 180




Il Tribunale ordinario di Novara è ubicato in Via Pietro Azario 5


Dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle ore 12:30.
Il sabato stesso orario solo per atti urgenti ed in scadenza.

   Per i dipendenti

Scarica il Decreto del Presidente della repubblica recante codice di comportamente dei dipendenti pubblici.


Accedi ai registri di cancelleria  Portale dei Servizi Telematici  Distretto della
Corte di Appello di Torino

Atti pubblici,
Concordati e Fallimenti

04/06/2018 - Fall.32/2018_Hotels & Dimore s.r.l. in forma abbreviata H & D s.r.l. in liquidazione

Estratto sentenza dichiarazione di fallimento

estratto

04/06/2018 - Fall.31/2018_F.lli Spina s.n.c. di Spina Francesco e Tiziano

Estratto sentenza dichiarativa di fallimento

estratto

01/06/2018 - Fall.29/2018_Centro Edil s.r.l.

Estratto sentenza dichiarativa di fallimento

estratto

01/06/2018 - Fall.30/2018_Ingoglia Leonardo

Estratto sentenza dichiarativa di fallimento

estratto

14/05/2018 - Fall.28/2018_Del.Ma Impianti s.a.s. di Maela Solara & C.

Estratto sentenza dichiarativa di fallimento

estratto

L'elenco delle Vendite Giudiziarie promosse presso il Tribunale

In questa sezione si trovano i moduli in uso presso le cancellerie, utili al cittadino ed ai professionisti.

Convenzioni per lo svolgimento del lavoro sostitutivo di pubblica utilità stipulate dal Tribunale di Novara.